di Salvatore Cherchi

Ateras vortas, candho su Natale,

che miraculu de sa Provvidentzia,

limpiait chin tant’amore sa cussentzia

che chelu pustis d’unu temporale,

in terra limitatu ‘it donni male

e resa prus ditzosa s’esistentzia.

Ma como sa cussentzia no hat valore:

dae candho han fattu santu su dinare,

donni tipu de festa est un’affare

chi de su novu santu hat su sentore !

E tue, Zesus, in rughe dae minore,

fortzis tribulas prus po nos salvare.

Tòrranos Su Natale luminosu

peri prus de su chi eris connoschìa,

in s’ora candho, credo,jeo vivia

in d’unu mundhu meta prus ditzosu,

vistu chi pache. pasu e tantu gosu

m’han resu semper sana cumpannia.

Torra como, Divinu Criatore,

a illuminare cuss’oscuridade

chi rendhet tzeca cust’umanidade !

Mustranos Tue s’andhera prus sicura

po valanzare sa ditzosa zura

de veru amore po un’eternidade !



One Response to “BRAMAS DE UNU VERU SANTU NATALE”

  1.   Tommaso Esca Says:

    Grazie Massimiliano, per questa bella poesia natalizia .
    Salvatore Cherchi è ritornato al buon Dio da oltre un anno , in silenzio, dopo una vita di emigrazione in giro per il mondo. Aveva la Sardegna e la lingua sarda nel cuore e nella sua penna, nonostante parlasse correttamente sette importanti lingue.

Lascia un commento

Codice di sicurezza: