Rafforzare il trend di crescita e sostenere la diversificazione dei prodotti turistici: con questi obiettivi la Sardegna si è presenta alla 37/a Borsa internazionale del turismo (Bit) di Milano, in programma sino al 4 aprile.    “La Bit ha inaugurato la stagione turistica ed è servita per far conoscere meglio i tanti attrattori dell’Isola grazie al lavoro degli operatori presenti, che sono i veri protagonisti della Borsa – dice l’assessora del Turismo, Barbara Argiolas -. La Regione ha fatto da supporto e da cabina di regia all’attività degli operatori sardi che, oltre al prodotto marino-balneare, hanno proposto un’ampia e strutturata offerta, composta da bellezze naturalistiche e sostenibilità ambientale, storia e archeologia, cultura e autenticità, wellness ed enogastronomia. Puntiamo a rafforzare i riscontri degli ultimi anni con un’innovativa strategia di promozione e commercializzazione del prodotto Sardegna e l’accento posto sulla sostenibilità e sui valori autentici dell’accoglienza isolana”. La Bit si è svolta tra Fieramilanocity al Portello e l’attiguo Mi.Co. Per la fiera di settore l’assessorato del Turismo ha accreditato 66 aziende isolane, di cui circa 40 di varie categorie del comparto ricettivo (hotel e catene alberghiere, camping e residence) e altri operatori compresi fra tour operator e agenzie di viaggio, società di servizi e di trasporto, consorzi turistici e un centro commerciale naturale. Delle aziende accreditate, 14 sono inserite nel ‘catalogo wedding’, una delle novità tematiche di quest’anno, insieme all’enogastronomia, che si aggiungono alle quattro aree tradizionali leisure, luxury, mice e sport. Era prevista una fitta agenda di incontri commerciali con buyer italiani e stranieri all’interno dei 600 metri quadrati dello stand Sardegna Endless Island: un business center, dove la domanda nazionale e internazionale è entrata a contatto con l’offerta ricettiva e la proposta di prodotti tematici isolani. “La Regione – sottolinea Argiolas – punta al miglioramento del proprio prodotto turistico, che passa per l’aumento della qualità dei servizi turistici e la professionalizzazione di tutti gli operatori della filiera. Stiamo lavorando a un piano di destagionalizzazione 2017-2018″, con una offerta estesa da aprile a novembre. Un piano nel quale rientrano i bandi per l’internazionalizzazione e le misure come “Più turismo, più lavoro”  realizzata con l’assessorato del Lavoro, collaborazioni con sistema aeroportuale e Autorità portuali, strutturazione di prodotti e offerte per target mirati. “Inoltre, la Borsa di Milano è stata trampolino di lancio per la promozione di eventi, tra cui spiccano, la Grande Partenza della centesima edizione del Giro d’Italia”, ha aggiunto l’assessora. 



One Response to “IL PIANO PER LA DESTAGIONALIZZAZIONE: LA SARDEGNA ALLA BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO DI MILANO”

  1.   Pippo Giomi Says:

    Interessante…ma non si legge nulla su soluzioni relative ai costi enormi per viaggiare da e per la Sardegna

Lascia un commento

Codice di sicurezza: