nella foto la parte femminile del gruppo Sas Bonorvesas con al centro Emanuela Sassu

di Mario Riva

E’ terminata domenica 26 novembre la  tre giorni di festa a Carnate con il Circolo Sardo Raimondo Piras.

La manifestazione è cominciata venerdì 24 con il concerto, molto apprezzato dal folto pubblico presente di Randagiu Sardu con Davide Crabu.

Si è proseguito sabato 25, nel pomeriggio,  con la rappresentazione del gruppo folk “Muttos e Ballos” di Bonora (che si è esibito anche davanti a Papa Francesco), grande la partecipazione dei Carnatesi, che alla fine del caratteristico spettacolo hanno potuto gustare un assaggio di alcuni prodotti tipici sardi offerti dal Circolo Sardo Raimondo Piras

La domenica una intera giornata dedicata alla Sardegna cominciata con l’offertorio durante la messa del mattino e i canti sacri in Lingua Sarda nella Chiesa principale del paese da parte del gruppo Muttos e Ballos, che ha intrattenuto i Carnatesi anche alla fine della messa ,sul sagrato della Chiesa con un breve spettacolo folcloristico .

Si è infine proseguito con il pranzo sociale del Circolo , aperto a tutti i cittadini, che come sempre hanno risposto numerosissimi all’ invito

Ancora una volta il Circolo Sardo Raimondo Piras ha portato nel nostro paese, sito in Brianza, la cultura e le tradizioni di una terra ,la Sardegna, che tutto il paese ha imparato a conoscere ed apprezzare proprio per il lavoro che il Circolo porta avanti da decenni nella nostra comunità .

Si chiude così un anno, il 2017, che ha visto la Sardegna protagonista a Carnate  prima con la presenza de i Mamuthones e Isshohadores a febbraio e con il gran finale a novembre con questi tre giorni di festa.

Un aiuto prezioso e fondamentale è arrivato dalla Protezione Civile di Carnate, e da CIBUS di Mauro Ardu. 

Le iniziative del Circolo Sardo Raimondo Piras di Carnate sono state patrocinate dalla Regione Autonoma Della Sardegna Assessorato del Lavoro, dalla F.A.S.I., dal Comune di Carnate e dalla PRO LOCO di Carnate.



Lascia un commento

Codice di sicurezza: