Filippo Balestra_Finali Italiane Poetry Slam 2016 (foto Giovanni Salis)

di Giovanni Salis

A gennaio ritorna il Poetry Slam Sardegna con“Spoken wHoRd”, la prima e unica rassegna in Sardegna, e forse in Italia, dei migliori spettacoli dei migliori poeti e performer delle migliori scene italiane ed internazionali.

Si riparte giovedì 4 gennaio, a Sassari, con il secondo imperdibile appuntamento che vede in scena l’originale duo formato dal “poeta normale” Filippo Balestra e dall’illustratrice Little Points.

Dalle 20.30 in poi, il palco del The House of Rock Music Club di Piazza Mazzotti, farà da teatro alle “poesie normali” di Balestra che saranno videoaccompagnate, durante la lettura, dalle tavole di Littlepoints; non tavole casuali, ma nove tavole che illustrano nove poesie normali. La lettura affronta svariati temi: orsi nelle grotte, paranoia, tisane, shampoo, il tutto sotto forma di riflessioni sul potere mirate al raggiungimento di un sano e dolcissimo ma irraggiungibile anarchismo. Tra surrealismo politico e paradossi cosmici, Balestra cerca di migliorare la realtà evitandola.

Oltre al protagonista della serata è previsto  anche un “Open Mic”, microfono aperto a poeti, cantanti, attrici, attori, danzattrici, ballerini, musicisti, umoristi, comici, mamuthones, punkrocker, da soli, in coppia, trio, coro, reggimento, che voglia stupire e sorprendere – o provare a farlo – il pubblico per 4 minuti (percepiti). A differenza del Poetry Slam che ha poche, ma precise e rigorose regole, stavolta si possono eseguire i testi di chi si vuole, usare oggetti scenici, travestirsi, non c’è gara, ognuno può decidere chi vince, ma non lo deve dire a nessuno. Per partecipare è necessario contattare Sergio Garau tramite email (sergio.garau@gmail.com), oppure ci si può iscrivere direttamente prima dell’inizio dell’evento.

L’ideazione e organizzazione della nuova e originale iniziativa, è a cura di Sergio Garau e Giovanni Salis.

Filippo Balestra – che nell’occasione presenterà la sua prima raccolta di poesie “poesie normali” per Miraggi edizioni – è uno degli artisti della scena intergalattica che all’interno della rassegna visiteranno in esclusiva il palco del the HoR ogni mese da qui alla primavera.

Oltre a Sassari, Balestra e Littepoints saranno di scena anche a Oristano (il 3 gennaio all’ Arrubiu art gallery café), a Bosa (il 5 gennaio alla Casa Del Popolo), ad Alghero (il 6 al ResPublica) e infine a Porto Torres (l’8 gennaio al circolo Via margutta di Gigi Pittalis) da dove lasceranno l’isola al termine di questo intenso tour sardo.

Le prossime date da segnare sul calendario con nuovi sorprendenti “alieni” della poesia e della performance sono il 18 gennaio (con Alessandro Burbank), 15 febbraio, 22 marzo, 19 aprile, 24 maggio.

 

Filippo Balestra è nato a Genova nel 1982. Scrive e si occupa di editoria indipendente, autoproduzioni e riviste letterarie, archiviando il tutto sul suo blog, Casa Editrice Gigante. È redattore di Costola – antologia di racconti illustrati, e ultimamente legge tantissimo, in pubblico, a voce alta, le sue “Poesie Normali”. Organizza e partecipa a diversi poetry slam e ha disputato le Finali Italiane di Monza nel 2014 e di Genova nel 2016. La sua opera prima si chiama “poesie normali” ed è uscita per la collana “Voci” della Miraggi Edizioni (Torino 2015).

«Se si è nel labirinto sbagliato

tutto è sbagliato

anche stare fermi

anche guardare

sudare.»

http://casaeditricegigante.blogspot.it/

Littlepoints è nata a Roma ma vive a Genova. Ha collaborato e collabora con diverse persone e riviste (FAME Fanzine, Italian FOOD, Effemeridi, EFFE Flanerì, Banlieue, Voici La Bombe, Zero, Cadillac Magazine, Quaderni dei teatri di Roma).

Illustratrice e grafica, fa parte di COSTOLA, antologia di racconti illustrati e porta avanti, oltre alle mostre in diverse gallerie, il progetto “Littlepoints… Mini solo show”, mini-personale itinerante, fatta di quadri, stampe, linocut e cose mini in generale…

Si fa tre puntini sotto l’occhio da tantissimi anni (solo il destro mai il sinistro) e generalmente è molto contenta se mangia il gelato.

http://littlepoints.blogspot.it/



Lascia un commento

Codice di sicurezza: