di Giacomo Meloni

Quest’anno diffidate dei finti Re Magi Gentiloni – Calenda – Pinotti che vengono In Sardegna a portare a noi sardi doni taroccati e avvelenati che i nostri politici guidati dal Presidente della Giunta Francesco Pigliaru ricevono reverenti e festanti.

Vogliono farci credere di aver risolto definitivamente la Vertenza ALCOA e non dicono di aver utilizzato 200 milioni di euro dei contribuenti per comprare – tramite l’Agenzia governativa Invitalia – una fabbrica obsoleta, regalando alla multinazionale americana i fondi delle mancate bonifiche e della multa milionaria non pagata dall’Azienda alla Comunità Europea sulla sovrattassa energetica. Una fabbrica, i cui impianti sono fermi da 5 anni e, se mai riprenderà a funzionare, avrà produzioni fuori mercato per gli alti costi energetici, rivelandosi una grande truffa milionaria a favore delle multinazionali l’americana Alcoa e la subentrante svizzera Syder Alloys  e dello stesso  ministro Calenda suo grande comis. Anche la Regione Sardegna ci metterà del suo con 8 milioni di euro per coprire i costi della cassa integrazione nelle more del riavvio dell’impianto.

Ma la generosità della Giunta Pigliaru è illimitata e non si dimentica dei disastri ambientali provocati dalle Aziende in fuga come la Sardinia Gold Mining, la Medoro, la Sardgold e Bufalo Gold che a Furtei hanno devastato 530 ettari di terreno alla ricerca dell’oro utilizzando l’arsenico. Ebbene la Regione sborsa 56 milioni di euro di soldi nostri per le bonifiche senza imputare i danni ai veri colpevoli contro il Principio europeo: “Chi inquina deve pagare”.

La politica industriale di questa Giunta, che aveva promesso una svolta verso una nuova fase di sviluppo, è un vero disastro, tutta rivolta al passato nel recupero di industrie decotte ed impattanti per l’ambiente come l’Eurallumina, dove si butteranno 170 milioni di euro di soldi pubblici nella costruzione di una centrale a carbone a 400 metri dalla cittadina di Portoscuso per rimettere in moto una fabbrica tra le più inquinanti d’Europa col conseguente  aggravio del disastro ambientale già in atto con la sopraelevazione del bacino dei fanghi rossi e la ripresa delle polveri rosse che il vento spingerà verso la meravigliosa città di Carloforte, compromettendone l’attività turistica e la pesca.

Questo Governo, guidato prima da Renzi ed ora da  Gentiloni, supportato dalla Giunta Regionale Pigliaru, dalla Confindustria Sarda e dai Sindacati CGIL/CISL/UIL/UGL rilancia per Portotorres ed il Nord Sardegna Il Progetto della la Chimica Verde che è un vero mega impianto che brucia i cardi che andranno a ricoprire centinaia di migliaia di ettari di terreni sottratti all’agricoltura.  La Sardegna viene confermata come Piattaforma energetica europea e la nostra classe politica plaude e questa scelta, nascondendo la realtà per la nostra isola di mega pattumiera nel Mediterraneo dove i rifiuti di mezza Europa, tra cui quelli industriali nocivi e a rischio radioattività verranno scaricati impunemente nella nostra terra.

Ci costeranno 50,4 milioni di euro le bonifiche dell’ex-Arsenale de La Maddalena e nessun euro verrà imputato alle mancate bonifiche dell’era Berlusconi/Bertolaso, anzi la Protezione Civile corrisponderà 21 milioni di euro alla Mita Resort di proprietà della Mercegaglia.

La ministra Pinotti continua a negare che in Sardegna a Domusnovas si producono le bombe che l’Italia vende all’Arabia Saudita per distruggere le popolazioni inermi dello Yemen. Dobbiamo convincerci che produrre bombe e strumenti di morte NON E’ LAVORO. Il recente Accordo sulle Servitù Militari, che vengono confermate e rafforzate nell’isola portandosi dietro una scia di veleni e di morti, è l’ultimo dono subdolo-pieno di bugie ed inganni.

Alle porte della Città di Cagliari, ad appena 300 metri dallo storico Villaggio dei pescatori di Giorgino ed a 500 metri dove sorgerà il Campus Universitario viene progettato un mega impianto della capacità di 22 mila metri cubi di gas con 18 serbatoi criogenici alti 6 metri. Questo impianto viene definito dai responsabili della Ditta ISGAS a “zero rischi”, ma non rispetta le leggi che ne vietano la costruzione vicino ai centri abitati nè viene applicato il principio europeo della precauzione. Le Autorità regionali, il Sindaco di Cagliari e tutti gli Enti presenti nell’area, compresa l’Autorità Portuale devono essere richiamati a responsabilità diretta.

La chiusura di molte strutture sanitarie nei territori e la diminuzione di numerose prestazioni mediche e di Servizi sanitari gridano vendetta ed i sardi si ricorderanno della Riforma sanitaria fallita al momento del Voto. Ormai tanti sardi sono costretti a rinunciare a cure e medicinali sempre più costosi e questo è un aspetto che aggrava la povertà già molto diffusa nella nostra isola.

La disoccupazione giovanile in Sardegna è al 53.6 % secondo i recenti dati Eurostat e finché questo dato si manterrà costante nessun piano di sviluppo potrà essere considerato serio né può essere credibile il Piano per il lavoro – LavoRas – recentemente approvato all’interno della Manovra Regionale 2018 senza vincoli, che, al netto dei 100 milioni di euro residui del Piano Sulcis, prevede una dotazione di ulteriori 27 milioni e 960 mila euro. Vigileremo sui destinatari di questo investimento e conteremo ad uno ad uno i nuovi posti di lavoro.

I lavoratori della Miniera di Bauxite di Olmedo, la Keller di Villacidro, il sugherificio Ganau di Tempio, la CLEA di Olbia, la Saipem di Arbatax, la Legler di Macomer, i lavoratori Ati-Ifras del Parco Geominerario  per citare le vertenze più importanti in campo industriale che attendono riposte da numerosi anni. Guardiamo ai settori in crisi nell’edilizia, nell’agricoltura, nell’allevamento, nella pastorizia, nella pesca, nel settore del commercio e dell’ambulantato. Poniamo mano al settore trasporti da e per la Sardegna, migliorando il trasporto interno dove manca una rete ferroviaria efficiente e veloce.

CONCLUSIONI. Povera Sardegna, governata da una Giunta di basso profilo, subalterna, a capo chino e col cappello in mano verso un Governo nazionale che amico non è. Occorre un colpo di reni, una rivolta pacifica e civile di popolo che ci aiuti a cambiare pagina per perseguire una via di sviluppo ecocompatibile, liberando la Sardegna dalle servitù militari e industriali. Riprendiamoci la nostra terra, riscoprendo la nostra vocazione agropastorale con investimenti mirati e produttivi nell’agroalimentare ed industrie di trasformazione. Riscopriamo la bellezza della nostra terra, investendo in turismo e cultura, in ricerca, in tecnologia e innovazione .  Facciamo della Sardegna un’isola di pace, aperta all’Europa ed al mondo e l’indipendenza con i suoi valori identitari sia il suo orizzonte



Lascia un commento

Codice di sicurezza: