Dopo oltre un anno di commissariamento, il Circolo Sardegna di Bologna ha un nuovo Presidente: è Bruno Sedda, gavoese di 49 anni, funzionario della Regione Emilia-Romagna e residente a Bologna dal 1989.

Insieme al nuovo presidente sono state elette le nuove cariche direttive: Franca Menneas (vicepresidente vicaria), Franco Arba (vicepresidente), Antonella Rassu (tesoriera), Claudio Chiappetti (segretario). Fanno inoltre parte del Direttivo Giovanni Mundula, Paolo Piras, Rita Concas e Roberto Lai.

Riprende così il cammino di uno dei circoli storici del Nord Italia, attivo sin dalla seconda metà degli anni Sessanta. “Vogliamo anzitutto ringraziare il lavoro del commissario Antonio Pirisi e del presidente di circoscrizione Mario Ledda, che hanno posto le basi per il rilancio del nuovo corso - commenta Sedda – ora dobbiamo ripartire, a cominciare dalla partecipazione a Visioni Italiane per proseguire col fitto calendario di eventi culturali in programma per il 2018. Siamo fiduciosi, ma consci del duro lavoro che ci attende: la priorità del nuovo Consiglio verrà data alla difficile ricerca di una nuova sede”.

A partire dal mese di febbraio il Circolo Sardegna ha dato il via alla campagna di tesseramento 2018 con l’obiettivo di intessere nuove reti relazionali e creare sempre più ponti e sinergie tra l’isola e la città felsinea.



One Response to “UN NUOVO INIZIO PER IL CIRCOLO “SARDEGNA” DI BOLOGNA: ALLA GUIDA C’E’ IL 49ENNE BRUNO SEDDA ORIGINARIO DI GAVOI”

  1.   Virgilio Mazzei Says:

    Questa è una bella notizia. Dopo tante peripezie, la tenacia di chi ha creduto nell’importanza di un Circolo come quello di Bologna ha portato a questo bellissimo risultato. I Commissari che hanno gestito la difficile situazione ( Giulio Pittalis e Antonio Pirisi, senza trascurare l’impegno di Mario Ledda) meritano un sincero grazie da parte di tutti coloro che non hanno remato contro la rinascita del Circolo. Ora tutti ad operare per il meglio e per produrre ARMONIA. Auguri e buon lavoro al nuovo Direttivo. Virgilio Mazzei.

Lascia un commento

Codice di sicurezza: